PortaleIndiceCalendarioLista utentiRegistrarsiAccediCercaFAQ

Condividere | 
 

 CAPITOLO 20 - The power of love

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Prince_of_Persia



Maschile
Numero di messaggi : 27
Età : 34
Località : Gubbio
Data d'iscrizione : 07.10.09

081209
MessaggioCAPITOLO 20 - The power of love

Certo non potevo sperare che la vita quotidiana vissuta insieme alla star mondiale pluri premiata, fondatore dei videoclip musicali, che ha salvato le industrie discografiche d’america, si è fatta costruire un monumento per l’infanzia, balla divinamente, canta come un angelo, scrive canzoni che scioglierebbero il cuore per sino ad Adolf Hitler facendolo diventare la persona più mite del mondo, ed è la persona più generosa che esiste sulla faccia della terra, potesse essere tranquilla. Il bacio al concerto aveva dato i suoi frutti e gli articoli su Michael che bacia la sua ballerina fioccavano e lo facevano arrabbiare. Da parte mie io cercavo di eliminargli dalla vista tutte le riviste che le sue domestiche compravano. Avevo nascosto tutti i tabloid trovati in giro per casa, li avevo confinati sopra l’armadio dentro la mia scatola dei ricordi, l’unico oggetto nel quale Michael non curiosava mai. Unico davvero, tutto ciò che apparteneva a me Michael doveva vederlo, gli piaceva da impazzire curiosare nelle mie cose, nelle cose di tutti, ma nelle mie in particolare. E poi dopo che si era informato bene sui miei oggetti mi bombardava di domande mettendomi in scioccante imbarazzo. Ne avevo fatti sparire circa una ventina, ma prima li avevo letti tutti. Non erano certo stati docili i giornalisti, per lo meno con Mike, con me si erano sbrodolati in complimenti, che detti da loro mi davano la nausea. Michael era sormontato dagli impegni in questo periodo e di nuovo passava le notti in bianco, passavamo ore a parlare, tentavo in ogni modo di farlo sfogare in parte ci riuscivo, ma c’era ancora qualche buco nero nella sua testa lasciando nei suoi occhi scuri solamente sguardi duri, torvi e malinconici, non per me, ma per il mondo. Sembrava una sirena che non amava il mare, ma era costretta a passarci la vita. Era in lotta continua con se stesso, non faceva che ripetere che se lui avesse vissuto una vita normale avrebbe potuto darmi il meglio di se stesso. Soffriva per entrambi, la sua empatia, già fortemente sviluppata in condizioni normali, quando passava periodi di stress si elevava alla seconda potenza e lo distruggeva. Scesi dal letto e tirai giù quella scatola con la prudenza di un chimico che prende in mano una provetta di nitroglicerina. Da quando l’avevo imbottita di giornali di gossip per me era diventato un incubo aprirla. Tolsi il coperchio, la foto del nostro bacio sulla copertina del Sun mi faceva sorridere, ma se pensavo all’effetto che scaturiva nell’animo di Michael il sorriso era subito sostituito da una rabbia incontrollata, non tanto per il bacio, ma per ciò che avevano scritto. Aprii la rivista tra i trafiletti serrati e i caratteri diversi di scrittura spuntavano di tanto in tanto le immagini di Michael per mano con Tatum o con Brooke, altre di Mike fotografato da non so quanti metri di distanza “maledetto zoom” pensavo mentre leggevo il titolo di testa:

“SCANDALO! MICHAEL JACKSON BACIA UNA BALLERINA ALL’ARENA KEMPER. DURANTE LA PRIMA SERATA DEL BAD WORLD TOUR!”



Scartabellavo tra quegli atroci fogli, tutti colorati, un’esca perfetta per le ragazzine e tutte quelle persone che si lasciavano ingannare dall’occhio, un elegante raggiro questo rappresentavano per me i giornali. Rovinavano la vita delle persone senza nemmeno sapere cosa potrebbero essere capaci di fare i giornali della vita della gente. Solamente persone senza testa né cuore erano capaci di scrivere per il gusto di fare notizia, di far parlare di loro come giornalisti senza pietà, come se fossero dei soldati insoddisfatti che devono marciare per la strada traversa per essere qualcuno. Ovviamente pensavo questo solo di coloro che scrivevano sui giornali di cronaca rosa e di gossip, non di quei giornalisti che si gettano in mezzo agli assassini di guerra per far vedere di cosa sarebbe capace l’uomo in preda alla sete di potere, qual è la natura umana più pericolosa, cosa la macchina in natura perfetta, era programmata per fare in mano alle persone e alle realtà sbagliate. Quelli al contrario li ammiravo moltissimo. Il problema era che a rovinarmi la vita otto anni prima non furono loro, ma gli altri che precedentemente ho menzionato. Mi persi un attimo nei meandri dei miei pensieri, di nuovo quella gelida sensazione di freddo nell’anima si prese possesso di me. Forse perché quella notte era davvero freddo, era meglio non proseguire oltre con i pensieri sul mio passato relativamente recente perché avevano il potere di cambiarmi l’umore da bianco a nero pece. Continuavo a guardare quelle riviste e ne presi diverse in mano, Vanity faire aveva come copertina il titolo

“PROFUMO DI COTTA A NEVERLAND, PETER PAN LASCIA L’ISOLA CHE NON C’E’.”

era così urticante leggere certe scemenze, non capisco per quale motivo una cosa naturale come innamorarsi se accadeva a Michael doveva essere per forza giudicata strana o inusuale e soprattutto perché doveva essere messa in prima pagina ed etichettata come “SCANDALO”. Non c’era nulla di strano né di scandaloso nel nostro amore, ma io questo lo sapevo, e sapevo anche che quello che dicono i giornali non deve essere filtrato, ma direttamente eliminato, io ci riuscivo, Michael no. Erano diversi giorni che pensavo a come aiutarlo a superare nel giusto modo quella sua naturale e comprensibile avversione per i tabloid almeno per farlo essere più sereno e impedire che quel fittizio oggetto condizionasse la sua vita.

ci fu solo un articolo che mi fece arrabbiare più degli altri e fu quello di people magazine.
MA NON ERA GAY?


spettacolo sensazionale alla Kemper Arena! Ieri sera si è aperto il primo tour da solista del bambino di Gary “MICHAEL JACKSON”



si da inizio alle danze signori e signore. L’uomo dei record ha sbancato al botteghino e si fa detentore di un nuovo record:Scandalizzare gli innocenti che lo credevano un bravo ragazzo.

Esatto, avete capito bene. Jackson ha stupito il pubblico con i suoi passi e i suoi ormoni … piuttosto difficili da tenere a bada.

La domanda iniziale, riferita alla presunta omosessualità della star afro-americana (anche se ultimamente ci è parso più americano che afro) non è casuale. Tuttavia dietro ai capelli corvini che avvolgevano l’eccentrico Michael alla conclusione di “The way you make me feel”, non ci è parso di scorgere un uomo, a meno che non ci sia stato il trucco sotto al vestitino nero e sexy che la femme fatale indossava, ma noi sappiamo che non è così. Come potete vedere nella foto affianco è una donna con i controfiocchi quella che volteggiava tra le braccia del cantante. “eppur l’ha baciata” direbbe scandalizzato l’illustre scienziato Galileo Galilei, se vedesse dal suo cannocchiale la scena che si è consumata di fronte a 16.960, e oltre, persone. Infatti care lettrici del nostro Michael innamorate ci duole annunciarvi se non lo avete già saputo che in effetti il “bravo ragazzo di Gary” ha baciato appassionatamente la sua partner, spezzando il cuore a tutte le povere donzelle che si erano messe l’anima in pace credendolo Gay. Cosa vogliamo farci, evidentemente il timido cucciolo per il quale si è fatto passare per tutti e 30 i suoi splendenti anni, non era poi così timido. O magari il suo subconscio si è finalmente ribellato, stanco di pensare ai maschietti ed ha suggerito a Jackson di baciare quello splendore di donna che aveva davanti. Sfortunatamente non si sa ancora nulla di lei, se non che è bellissima e molto affascinante, e lo è a tal punto da riuscire a reindirizzare il caro Michael sulla retta via, o magari ad aprirgliene una nuova, potrebbe anche essere bisex chi può saperlo? Da uno strano come Jacko ci si deve aspettare di tutto, dato che condivide la stanza e la vita con un simpatico primate di nome Bubbles. Pensate a come potrà stare la sua amica scimmietta ora che ha scoperto che a condividere il loro talamo nuziale ci sarà un suo simile molto più interessante oserei dire.

Che dire ci si stupisce sempre di più delle peculiarità di Jackson, sarà una trovata di scena? o magari una trovata pubblicitaria? O c’è la lontana probabilità che si sia stancato di vivere da solo con una scimmia e tanti altri bucolici animaletti? Davvero Peter Pan è cresciuto? Che può dirlo? Per quanto ne sappiamo non sono molte le fanciulle che hanno gravitato intorno a Michael, si conosce una certa Tatum O’Niel che non si sa bene il motivo per cui abbia preso la drastica decisione di lasciare un partito benestante come Michael, potrebbe essere che a letto non la soddisfaceva abbastanza? O forse nel suo letto non c’è proprio mai stato? E Brooke? Fedele accompagnatrice a tutte le sue apparizioni Hollywoodiane? Cosa starà facendo in questo momento? Si sarà di certo sentita tradita dal suo “caro amico”. Non vi poniamo altri quesiti, anche perché ci pensa già la star del pop a farvene porre abbastanza e noi non vogliamo assolutamente farvi annoiare nella lettura o tanto meno crearvi uno stato di agitazione, vogliamo solo informarvi del bacio di Jacko alla povera ragazza, che però non ci è sembrata affatto contrariata. Dopotutto non si può negare, ad un partito dal cospicuo patrimonio economico-artistico, un innocente bacio? Anche se di innocente aveva ben poco.

Magari è stata la sua camera iperbarica a suggerirgli nel sonno l’ispirazione giusta, e a rinvigorire così tanto le sue cellule epiteliali da non farlo stare più nella pelle!

Noi purtroppo non possiamo farci nulla, dopotutto una bizzarria scenica del genere per uno dalla necrofila fantasia di acquistare le ossa di un morto, è fin troppo semplice. Magari vorrà provare le coreografie insieme all’esotica bellezza e all’amico “freddo” Elephant Man, tanto per stabilizzare la bollente temperatura dei loro baci incendiari.

Infine cari lettori non sappiamo chi sia la povera ragazza che è stata accalappiata da Jackson, ma vi terremo informati. Dopotutto una star dagli scandali facili come the king of pop è facile da smascherare. Con gli occhi pieni di vergogna per la bassezza morale di Jackson che evidentemente non è ciò che vuole fare credere di essere.

L’articolo non era firmato, c’erano solo le iniziali. Codardi, danno giudizi su di lui e nemmeno lo conoscono, dovrebbero vergognarsi. Mentre mi arrabbiavo con i giornalisti sentii un gran trambusto. Voci, passi, bodyguard che comunicano da una stanza all’altra. Quasi mi spaventai, credevo di essere sola in casa invece c’erano agenti da per tutto, fin’anche nel corridoio e io non me ne ero nemmeno accorta, immersa com’ero nel mondo segreto dei miei pensieri. Di certo non potevo non sentirlo quando rientrava con tutto il frastuono che gli gravitava intorno. Il vociare della massa di padroni che dettavano legge a Michael dandogli decine di informazioni al minuto su ciò che doveva fare, per quanto doveva farlo e come doveva farlo aumentava ad ogni tic tac dell’orologio a pendolo. Tutti doveri, tutti compiti lavoro e ancora lavoro, lo controllavano come un animale in una riserva di caccia per non farselo sfuggire e lui povero angelo dava sempre il massimo ai concerti per i suoi fan, e per tutti coloro che credevano in lui. Anche se era stanchissimo e lo stress non gli dava tregua aveva sempre il sorriso disegnato sul viso perfetto. Era un gladiatore, il mio gladiatore. Amava i suoi fan me lo ripeteva sempre dandomi ogni volta l’emozione di vedere ciò che aveva dentro, diceva sempre che se c’era un motivo essenziale per il quale avrebbe dato il massimo, era dimostrare il suo amore ai fan che lo sostenevano e gli davano prova ogni giorno quanto grande fosse il loro amore per lui. Erano la sua energia, la sua carica esplosiva e piuttosto che deluderli si sarebbe fatto in mille pezzi per vedere i loro sorrisi nascere sulle loro labbra grazie a lui. Mi raccontava queste cose spesso con una nota di tristezza a spezzargli la voce, per diventare Michael Jackson il sacrificio fatto era stato grande, non aveva mai avuto una vita normale e specialmente non aveva mai avuto un infanzia, per poco non si ricordava cosa significasse la parola stessa, però “anche se caro fu il prezzo i miei fan sanno come ripagarmi ogni giorno”. Diceva sempre così, ma l’amarezza per la sua vita con la famiglia non sempre rose e fiori era sempre ben visibile tra le iridi scure.

Mentre riordinavo freneticamente i giornali, sperando che Michael non piombasse in camera da letto in tutto il suo divino splendore, udii un dialogo poco convincente. Numero uno: Michael stava alzando la voce e non era buon segno dato che l’alzava solamente nel caso in cui fosse seriamente arrabbiato. Numero due la voce dell’interlocutore era quella del mio nemico giurato e odiato Tarack che nonostante avesse minacciato di non farmi durare più di una settimana, quest’ultima era stata superata da ben dieci giorni e lui aveva rischiato di venire licenziato tipo quindici volte quindi si era arreso anche se bombardava Michael con appuntamenti di alta classe ai quali non andava mai anche se per me non c’erano problemi data la fiducia che avevo in lui. Anzi spesso lo incitavo ad uscire, ma lui non ne voleva sapere voleva stare con me.

“Michael è una sciocchezza., puoi sempre dire che è un fatto di scena, non vedo perché dovresti concedere un’intervista dove dichiari la tua storia con quella ballerina svolazzante che passerà di fiore in fiore. Cosa ti ha fatto, si può sapere Mike? O ti ha drogato cibo e bevande o sennò proprio non riesco a immaginare quello che abbia fatto scaturire questa tua cecità. Non capisci che sei solo un espediente, quella vuole mettersi in vetrina e se la porterai in televisione insieme a te confessando questa momentanea infatuazione, ti esporrai a paparazzi e giornalisti come un kamikaze incosciente e verrai preso di mira in maniera esponenziale. Tutta Hollywood non parlerebbe di altro che della cotta d Michael Jackson. Vuoi davvero gettare per aria la tua brillante carriera per una ragazzina? Senza contare il fatto che faresti il suo gioco, la renderesti popolare, dopo di che nel giro di un anno, se proprio vogliamo essere ottimisti, lei ti dirà Bye bye Mr illuso Jackson.” Michael fece uno scatto nervoso con il collo, si fermò in mezzo al corridoio e si rivolse a Tarack che si asciugava col fazzoletto il sudore che gli imperlava la fronte dandogli ancora di più l’aria di un maiale all’ingrasso pronto da uccidere per farlo alla brace.

“Tarack io sento questo” muoveva le mani come a imitare il becco di un’oca che starnazza

“E invece vorrei sentire questo” chiuse le mani e riprese a camminare e a parlare.

“Non mi interessa cosa pensi, possibile che ancora ti ostini a non capirlo? Te sei il manager dell’animale da palcoscenico, non dell’animale sociale. Non hai nessuna autorità sulle mie scelte sentimentali come in nessun altro aspetto della mia vita privata. Non chiederò di certo il tuo parere su chi dovrò sposare o da chi dovrò avere dei figli. A te chiederò solamente quante luci dovrei mettere sul palco, cosa devo fare durante le ore di lavoro e con quale ritmo dovrei pedalare. Punto. Entrati in casa mia sono io che decido non te. E farò l’intervista con Elena. Anzi ti dirò di più dato che la prossima data per il concerto è tra una settimana, nei prossimi giorni la porterò a conoscere la mia famiglia, perché ho le intenzioni più serie che tu possa immaginare e se a te non piace non è problema mio, lei è nata per me come io sono nato per lei, tu invece sei nato per amministrare la mia vita lavorativa e niente di più.”

“posso intervenire nel momento in cui la tua vita privata influenzerebbe quella lavorativa però e questo è uno di quei casi.”

“ti sembro spompato? Privo di estro? I fan e tutto il resto del mondo ti sembra insoddisfatta di ciò che sto facendo? I soldi li ho fatti abbastanza anche solo con due date o forse mi sbaglio? Tanto a te è quello che interessa. Però non mi pare proprio che sto togliendo al mio lavoro per dare alla mia vita privata, anzi mi pare che stia accadendo proprio il contrario, sbaglio?” a rispondergli ci fu solo il silenzio, il discorso di Michael non faceva una piega e io non lo avevo mai visto così determinato se non sul palco. Mio dio un brivido lungo la schiena mi fece ansimare.

“te stai impazzendo Michael, è un discorso allucinante il tuo. Ti trascinerà sul lastrico, non puoi avere una storia d’amore con una qualunque invaghita dei riflettori, che viene da un dimenticato sobborgo di Parigi e miracolosamente balla. Se vuoi davvero avere una storia d’amore devi cercare e scegliere una del tuo ambiente che ne so una Brooke Shields per esempio. Poi c’è Lisa Marie che ti segue da quando hai iniziato praticamente, vi sentite anche per telefono se non sbaglio. Quella sarebbe un tiro azzeccato Michael, è una bellissima ragazza, è figlia del re del rock caspita, e poi è una Presely, suona già diverso da Golberg. Una ballerina per quanto artista fa parte del tuo staff, sei sprecato per lei. d’accordo è una bellissima ragazza, ma oramai lo sfizio te lo sei tolto, basta cosa sono tutti questi vagheggiamenti? Dopotutto cos’altro può darti se non il sesso? Non c’è migliore moneta di scambio.”

Stavo per gettarmi come un vampiro sulla preda, ma Michael lo annientò nel giro di un minuto.

“Stammi bene a sentire Tarok. Non ho intenzione di sopportare ulteriormente queste offese alla mia fidanzata, questi insulti alla sua onestà e alla grandezza del sentimento che c’è dentro i cuori di entrambi non sono altro che chiaro sintomo di nichilismo e insignificanza. Non sai niente di lei, né di ciò che ha segnato la sua vita, quella tua bocca marcia riesce solo a parlare con cattiveria, anzi ti dirò di più una bocca del genere dovrebbe essere stata chiusa già da tempo, non dovrebbe uscire neanche un ciao dal tuo fiato ammuffito. Se fossi una persona colta e intelligente avresti il buon senso di stare zitto dato che non sai nemmeno te quel che dici. Io vorrei proprio sapere come fanno quelli come te a concepire di potere vivere perennemente affamati di soldi e potere. Il cuore di voi corrotti dal lusso è consumato dal veleno, imprigionato tra le spirali di serpenti a sonagli che non fanno che decomporlo pezzo per pezzo. Sei sempre più arido e … mi fa male dirlo Tarack, ma sei davvero cattivo, ma cattivo nel senso letterale del termine la tua anima è cattiva. Vorrei sapere come riesci ad addormentarti di notte, con che coraggio dormi sonni sereni con questa anima nera? Sai una cosa Tarack? Potrei licenziarti in tronco anche ora potrei farlo, ma sai perché non lo faccio? Perché spero che per la tua testa vuota ci sia ancora una speranza. Sono un illuso però, così hai detto giusto? Allora mi sbaglio anche su di te dovrei licenziarti subito.”

Tarack era sempre più spaventato e teso si era allentato il nodo della cravatta e sudava più di prima, ma c’era il fuoco nei suoi occhi che reclamavano vendetta. Tuttavia il coltello dalla parte del manico lo aveva Michael e quindi non potè reagire in nessun modo. Michael lo lasciò cuocere nel suo brodo facendo restare il discorso sospeso nell’aria. Poi rise sardonico e proseguì “te non devi parlare CON Elena, non devi parlare DI Elena, non devi parlare PER Elena, anzi no, non devi proprio pensarla, lei nella tua testa malata e infetta non deve proprio starci, la contamineresti con il tuo opportunismo e la falsità che ti contraddistingue. La prossima volta che parlerai di lei in mia presenza o che anche solo poggerai i tuoi occhi vacui e meschini su di lei per più di tre secondi, prendi pure la porta e non disturbarti a tornare, perché non vorrò più saperne di te, ti sbatterò fuori senza nemmeno spiegarti perché. Sono stato sufficientemente chiaro Tarack? Ora scusami, ma ho di meglio da fare che parlare con te.



Writer’s corner:

Salve a tutti gentili lettori, scusate la lentezza nel postare ma come sapere la cultura mi reclama al suo cospetto. Ecco qui diciamo che questo è più un capitolo di passaggio piuttosto che determinante però, anche se noioso è necessario per proseguire la storia come ce l’ho in testa. Non preoccupatevi però diciamo che ci vuole un po’ di suspense sennò poi diventa una storiella qualunque e non voglio che faccia questa fine. spero comunque che non mi abbandonerete e che continuerete a recensirmi, come sapete perché vi ho detto già altre volte le recensioni sono la mia benzina e penso sia la benzina internazionale degli scrittori. Comunque grazie a chi ha letto, a chi è solo passato e ovviamente un caloroso grazie a chi ha lasciato il segno del proprio passaggio,ma costoro li ringrazierò nelle prossime righe:

Per Bad_Mikey: tesoro mio, mi sono scusata ripetutamente per la mia terribile mancanza, ma non potrò mai scusarmi abbastanza è stata una cosa troppo grave. Perdonami, come ti ho detto quando scrivo non è che lo faccio in santa pace e tranquillità ma sono continuamente assalita dai miei che mi comandano a tutto gas. Scusami davvero ti prego non l’ho fatto intenzionalmente credimi è proprio che mi è sfuggito, pensavo di averti ricordata e invece nulla …che disastro sono. Comunque per risponderti alla precedente recensione. Se in quello precedente doveva Tarack doveva morire schiacciato sotto un treno immagino che ora lo starai già crocefiggendo per poi bruciarlo semivivo. Comunque sì lo odio anche io mentre scrivo e non è una cosa buona odiare i propri personaggi non trovi? Beh sì il blocco pare sia passato, ma non lo dico troppo forte meglio non cantare vittoria. Come hai visto sei una delle mie fonti primarie di ispirazione perché ti voglio un bene dell’anima e non credevo fosse possibile affezionarsi ad una persona così … via internet e invece te e il mio angioletto Ambrina mi avete stupito. Non sai quanto mi sono sentita pessima quando ho letto i tuoi grazie dato che mi ero dimenticata mamma mia non pensiamoci oddio che brutto … *si pugnala mentre dice sei un essere inutile*

Comunque tesoro mio non è un illusione che lui sa qui con noi anzi ne ho la certezza ogni giorno di più che ci è accanto chi lo ama come noi se ne accorge sempre della sua presenza e poi se sei illusa te sono illusa anche io secondo te perché scrivo? Per sentirlo ancora vicino a me anche se in effetti non ci è mai stato fisicamente (magariiiiii e avrei fatto tanti progetti interessanti per il suo presente con me * con la bava alla bocca fa pensieri sconci sull’innocente Mike*)ma spiritualmente non è che è vicino a noi è proprio dentro di noi. Lo sappiamo bene vero? Comunque stella splendente non devi ringraziarmi in alcun modo per ci che faccio per te perchè è mio dovere d’amica farti sentire meglio come posso e darti una parola di incoraggiamento e conforto se ne hai bisogno caspita sennò chi lo sente Mike che trascuro la sua messaggera? Già temevo mi arrivasse un fulmine dimenticandomi di ringraziarti. * sbatte la testa al muro finchè non vede tanto sangue e muore * comunque casomai sono io che ringrazio te per esistere e dare una al mondo una scintilla del nostro sole Michael scrivendo con così tanto amore di lui e per essermi stata vicina in momenti … possiamo definirli particolari? Direi di sì perciò PERDONO PERDONO PERDONO * si inchina a orsetta come se pregasse hallà nella speranza di ricevere la grazia* scusami davvero tantissimo. Ti voglio un bene immenso come l’oceano amica mia.

Per monyprincesslovett: Accipicchia, mi lasci senza parole cara mia! Non immaginavo di riuscire nel mio intento così come me l’immaginavo, santo cielo te ti sarai commossa per la mia storia ma io mi sono commossa per la recensione. Grazie davvero di cuore. Ci tengo molto a mantenere l’immagine di Michael il più attinente possibile alla realtà dopo tutto è così che il mondo lo ama se non fosse così meravigliosamente grande non saremmo così tristi! Spero che anche questo chapter non ti sia dispiaciuto come ho detto è di passaggio, quindi non particolarmente sconvolgente. Scrivere l’articolo è stata la cosa più difficile onestamente, temevo di non farcela e invece alla fine, non so come sia riuscito ma c’è. Thank you goodnight and see you soon. Kiss!

Per La Diavolessa: fantastica, davvero la tua recensione mi ha dato un’iniezione di fiducia che non avevo mai avuto è stata molto tecnica e precisa, quindi ti ringrazio davvero di cuore per ciò che hai scritto e mi fa davvero piacere che ti piaccia la trama e lo stile generale. detto da una bomboniera d’autrice come te mi fa ancora più piacere perché significa che effettivamente faccio qualcosa di buono. Grazie davvero sono fondamentali le recensioni per noi scrittori se non recensiscono ti demoralizzi proprio e ti passa la voglia. Quindi ti dico ancora grazie non so più nemmeno quante volte l’ho detto XD! Spero di non averti delusa in questo nuovo capitolo fammi sapere baci baci “compaesana”!!! XD

Per mcj: *.* grazie chicca. Non sai quanto mi hai fatto felice dicendo che il mio stile migliora capitolo dopo capitolo, evviva!!! Grazie mille tesoro mio ma dopotutto ad un certo punto caspita, quando si parla di Mike i freni vanno manomessi o no? Lola effettivamente è e sempre resterà una viscida, infatti ne vedremo delle belle, ma fai bene ad avere fiducia nei due rampolli perché l’amore è la forza più grandiosa dell’universo. Grazie per lasciare sempre il segno del tuo passaggio e di avermi inserita tra i preferiti. Sei … eccezionale grazie grazie grazie.

Per angeudemon: sì in effetti non sanno quanto si pericolano i miei professori se mi impediscono di scrivere, ma cosa vuoi che ne capiscano loro di Michael Jackson? (magari c’è anche una prof tra le autrici ti immagini? XDXDXD) grazie per darmi sempre segno della tua presenza mi fa davvero piacere le recensioni mi fogano tantissimo. Spero anche quest’ultimo ti sia piaciuto come gli altri e grazie ancora!

Per Eutherpe: oooooooodddddddddddiiiiiiiiiiiiioooooooooooooooo. Chi vuole fare morire chi? Senti tesoro mio non è possibile che io mi sciolgo in un pianto inconsolabile ogni volta che leggo i tuoi commenti. Anzi no è possibilissimo, perché sei il mio tesoro più vero e prezioso. Se pesco chi mi ha separato da te tutto questo tempo lo faccio secco e me lo mangio. Come hanno potuto essere così crudeli da privarmi della mia essenza fondamentale il mio angelo custode ambrina? Come hanno potuto. Meno male che sono stata intelligente e ti ho ribeccato qui in EFP e adesso però non ti mollo proprio più. Serena e Mary sono state talmente tanto rimbambite da me con te che adesso mi chiedono sempre come stai. E se non lo fanno glie lo dico io ma ti rendi conto cosa hai fatto al mio povero cuore? Mah secondo me io ti ho partorito in un'altra vita perché sennò non si spiega tutto questo amore incondizionato che ho per te tesoro mio. Senza di te sarei come il mondo in bianco e nero totalmente anonima, sei la cosa più bella che mia sia stata regalata e però non la do più indietro eh. Adesso sei mia mia e solo mia! Capito infingardi che la tentate? Mamma come sono gelosa si era capito??? No vero? Va beh passiamo a Mike. Giuro per scrivere quel concerto nel modo giusto mi sono fritta il cervello su you tube, ma per lui farei anche ben altro. il bacio in scena era stata la prima immagine che mi era venuta in testa quando ho cominciato a scrivere perciò doveva starci per forza eh la stampa è stato difficile interpretarla mi volevo mozzare le dita mentre scrivevo quelle cose orribili. Comunque meno male che ho superato la crisi. Santo cielo ero lì lì per svenire quando scrivevo di dirty diana. Lo conosco a memoria il video ma l’ho guardato tipo 100 volte con la scusa XD va beh dai ci sta è troppo forte. Mez è fantastichissima l’ho pensata bene lo ammetto e poi andando avanti acquisterà sempre più importanza per Elena e per Mike. Tesoro mio avrei tante di quelle cose da dirti ma devo postare ed è già tardi tanto ci sentiamo dopo su msn quindi ti strapazzerò di coccole lì!!! Baci ti stra adoro.

Per Looney Queen: carissima!!!! Cioè te mi fai sempre pisciare sotto dalle risate sei miracolosa, un toccasana per la mia frequente malinconia. Santa madonna del carmelo, ma te non puoi darmi questi flash di nudo Jacksoniano, perché io ho il cuore debole già penso troppo spesso a strappargli tutti i vestiti di dosso se pure te me lo nomini senza veli divento direttamente schizzoide. Comunque ricomponiamoci *coraggio elena raccogli la bava e parla con Looney queen* ehm sì dicevo anche a me piace tantissimo mike in TWYMMF è eccezionale quell’uomo mamma santissima. Comunque Diciamo che la scelta del nome per la protagonista non fu casuale, comunque sì l’ho pensata esattamente come te lhai descritta e tenterò di fare emergere tutti questi suoi lati caratteriali man mano che scrivo. La scena dietro le quinte mi è venuta così è piaciuta quasi a tutti quindi immagino di aver fatto un buon lavoro. Comunque “uno dei mei lunghissimi capitoli?“Vogliamo parlare degli interminabili capitoli di una certa Looney queen? La conosci per caso? Se non fossi un’autrice così divina mi si incrocerebbero gli occhi a leggere i tuoi chappy per fortuna che sei super sonica e sono interminabili ma bellissimi!!! Scherzo è non ti sei mica offesa spero? Una bacio grande spero ti sia piaciuto anche questo chappy e … per quanto riguarda quei due diciamo che ad una domanda ti ho risposto in questo chappy, e all’altra … chi lo sa? XD dai dai non posso svelare il trucco un bacio grande io scrivo scrivo scrivo beautiful girl e te anche scrivi scrivi scrivi e recensisci recensisci recensisci come io farò con te saluti e baci!!!

Ciao a tutto il popolo di EFP un bacio grandissimo Thank you, goodnight and see you soon.

Elena
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente

 Argomenti simili

-
» Verbi seguiti dalla forma -ing in inglese
Condividere questo articolo su : Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

CAPITOLO 20 - The power of love :: Commenti

Nessun Commento.
 

CAPITOLO 20 - The power of love

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 

Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rave Sound Net :: RSN Live Music :: Artisti in Primo Piano :: Michael Jackson-
Andare verso: